fbpx

Contenuti in chiave SEO?

Contenuti in chiave SEO?

By : -

Contenuti in chiave SEO?

“Per farti trovare sul web devi scrivere i tuoi contenuti in chiave SEO”

E’ una frase che spesso senti dire… ma è proprio vero?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ovvero l’insieme di tecniche, pratiche ed accorgimenti che agevolano un contenuto ad essere trovato (possibilmente in prima pagina), sui motori di ricerca del web, a chi cerca un determinato termine o argomento; di conseguenza saper realizzare e gestire i propri contenuti utilizzando tecniche SEO potrebbe portare dei vantaggi nella diffusione del proprio brand, dei propri contenuti, nella possibilità di acquisire nuovi clienti.

Ma è sempre necessario scrivere i propri contenuti in chiave SEO?

Si ma anche no… dipende!
Se è vero, come appena accennato, che la SEO apporta potenziali benefici è ancor più vero ed importante che i contenuti in sé (qualità, unicità, valore per l’utente) rivestono il vero ruolo fondamentale.

Quando scriviamo un contenuto perfetto in chiave SEO aumenta la probabilità che un utente alla ricerca di informazioni sull’argomento da noi realizzato, trovi i nostri contenuti online; ma questo non garantisce che poi lo stesso utente legga tutto il contenuto, lo apprezzi, lo condivida, ne parli con altri o acquisti un nostro prodotto o servizio.
Questo accade perché l’utente cerca contenuti di qualità, utili alle sue necessità… e se quando arriverà sulle nostre pagine non troverà il dovuto appagamento (contenuto troppo banale, informazioni scopiazzate da altri siti, grafica scadente, caratteri illeggibili, ecc.) allora irrimediabilmente andrà oltre e cercherà da qualche altra parte; non solo: nelle successive ricerche difficilmente tornerà a cliccare sulle nostre pagine, non condividerà i nostri contenuti, non ci contatterà e non acquisterà i nostri prodotti o servizi, non sarà un nostro promoter.

https://www.k-word.it/blog/wp-content/uploads/2021/02/contenuti-in-chiave-SEO-salvatore-piccolo-consulente-marketing-min.jpg

Cosa fare?

I nostri contenuti (dal profilo sui social network al nostro sito internet, dal post su un blog ad un tweet su Twitter) rappresentano un nostro importante biglietto da visita virtuale che, se non fa centro al primo colpo lasciando un buon ricordo all’utente, ci farà ottenere l’effetto contrario: l’utente “scapperà” per non tornare mai più.
Il mio consiglio è quindi sempre di pensare, pianificare, realizzare ed ottimizzare!

  • Pensa: chi sono, cosa faccio e propongo, a chi posso proporre, qual’ è il bisogno di chi cerca i servizi o prodotti che offro, dove li cerca
  • Pianifica: hai identificato e risposto ai questi precedenti! Bene, adesso pianifica quale deve essere la tua presenza. Valuta dove i tuoi potenziali clienti cercano, maggiormente, i tuoi servizi (sui Social? Su Google? Su forum di nicchia? Leggendo blog? Ecc.) e pianifica, sulla base delle tue capacità e disponibilità, in quali canali inserirti e con quali frequenze pubblicare contenuti utili e di qualità.
  • Realizza: arriva la fase più importante e difficile, quanto meno all’inizio, ovvero realizzare e scrivere i contenuti. Inizialmente tutti hanno difficoltà, quindi non demoralizzarti se il tuo foglio resta bianco… parti da quello che sai, da quello in cui sei preparato. Inizia a scrivere tenendo sempre in mente che il tuo destinatario vuole risposte ai suoi bisogni, quindi devi dare risposte, devi appagare il bisogno. Il contenuto è la parte più importante, sempre!
  • Ottimizza: ok, hai fatto tutto ed hai realizzato il tuo contenuto. Adesso è arrivato il momento di ottimizzarlo, il che significa inizia con il rileggerlo e revisionarlo assicurandoti non solo di aver appagato il bisogno ma anche che il contenuto sia redatto nella forma corretta per il livello dell’argomento e del tuo potenziale cliente: se tratti di argomenti molto tecnici ed i tuoi utenti/clienti sono già molto ferrati nell’argomento non puoi semplificare eccessivamente, sembreresti banale e poco preparato. Di contro se l’argomento e/o gli utenti a cui ti rivolgi è più “leggero” non puntare eccessivamente su tecnicismi e paroloni, magari solo per darti un livello professionale (quello dovrai dimostralo dopo, nei fatti), pena di questo errore far “scappare” i potenziali clienti. Assicurati che non vi siano errori grammaticali; se riporti qualcosa scritto da altri evidenzialo come citazione e segnala l’autore… e tanti altri piccoli “grandi” particolari che fanno e faranno la differenza (ne parleremo più in là).

E la SEO?

Le tecniche SEO sono importanti e saper applicare i minimi principi di base non richiede molto sforzo (tra l’altro ci sono molti strumenti, anche gratuiti, che permettono di identificare le parole/frasi chiave o di “analizzare” preventivamente il contenuto). Fortunatamente i principali motori di ricerca online (Google su tutti) nei loro algoritmi non si limitano a quantificare la presenza e disposizione delle parole chiave, del titolo, ecc. ma “analizzano” anche la qualità di un contenuto mostrando, a chi cerca, i contenuti ritenuti più utili alle necessità dell’utente. Quindi anche un contenuto non perfettamente redatto in ottica SEO ha buone possibilità di essere mostrato agli utenti, a condizione che lo stesso sia un contenuto di qualità, unico e che risulti utile ai bisogni di chi cerca.

Quindi: SEO? Sicuramente si ma sempre e solo DOPO aver creato dei contenuti veramente utili, di qualità ed unici.


Vuoi iscriverti alla mia newsletter? Bene!

Compila il modulo che trovi a questa pagina

>> Iscrizione Newsletter <<<

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti è piaciuto il mio blog? Ti prego, fallo sapere al mondo:)

RSS3
Seguimi via Email
Facebook28
Twitter11
LinkedIn16
Share
WhatsApp5